5 min read 

Sebbene ci siano stati molti eventi che hanno innescato la volatilità negli ultimi anni, era da un bel po’ di tempo che il mercato non subiva oscillazioni di prezzo così drammatiche come quelle del 2020 e dell’inizio del 2021. Il motivo è stato, ovviamente, la pandemia globale COVID-19 che ha portato con sé blocchi nazionali e, di conseguenza, la recessione generale dell’economia e un collasso completo di alcuni settori. Altri eventi importanti come le elezioni presidenziali americane hanno solo contribuito alla volatilità.

Alti e bassi più rilevanti

L’anno scorso ha fornito molte opportunità che molti trader e investitori hanno sfruttato appieno. Le società che hanno tratto i maggiori benefici dalla pandemia in corso sono state, com’era prevedibile, le piattaforme online che permettevano alle persone di rimanere in contatto e produttive (ad esempio Zoom, Facebook, Amazon, eBay, Alphabet Inc., ecc.) e quelle società che hanno saputo muoversi nell’ambiente online e adattarsi rapidamente alla nuova realtà, come ad esempio Nike, che ha costruito una strategia di e-commerce e ha posto l’accento sulle vendite online.

Allo stesso tempo, molti settori come le compagnie aeree, gli hotel e il settore del tempo libero offline in generale hanno registrato forti cali che hanno consentito ai trader di affinare le loro strategie di vendita allo scoperto. Ad esempio, Airbus ha iniziato la strada verso la ripresa solo nel giugno 2020 e ha ancora molta strada da fare prima di raggiungere il livello di prezzo delle azioni pre-pandemia. 

Accessibilità del trading online

Un altro aspetto della pandemia di COVID-19 è il rapido aumento dell’accessibilità e della popolarità del trading online che è stata osservata nell’ultimo anno e mezzo. Poiché le persone erano costrette a rimanere a casa e avevano molto più tempo libero a disposizione, molti hanno deciso di approfondire i temi degli investimenti e del trading, soprattutto vista la forte volatilità. Le circostanze hanno permesso a molti trader di acquisire conoscenze e trarre rapidamente vantaggio dal mercato. 

L’industria del trading apparteneva storicamente ai “tori” e agli “orsi” di Wall Street: grandi banche di investimento, fondi e altri grandi attori che traggono maggior vantaggio dal trading e dettano le regole nei mercati. Tuttavia, le cose stanno lentamente cambiando e, sebbene i principali attori siano ancora i giganti finanziari, i singoli investitori stanno acquisendo sempre più potere. La pandemia ha sicuramente contribuito molto alla popolarità e persino alla regolarità del trading online. Ora chiunque può considerare di farlo, ovviamente con la giusta mentalità e una formazione adeguata. 

Un vivido esempio di questo cambiamento è stato lo short squeeze su Gamestop, che ha portato a un aumento del 1.500% del prezzo delle sue azioni in sole due settimane nel gennaio 2021. La community di Reddit r/wallstreetbets ha unito i propri sforzi per spingere il prezzo delle azioni Gamestop il più possibile e ha avuto successo. 

Cosa succederà adesso?

Anche se il 2020 potrebbe essere l’anno più volatile della nostra storia recente, non sembra che il mercato si stabilizzerà nemmeno nel 2021. Le ampie oscillazioni dei prezzi legate ai trader al dettaglio che pompano le azioni più vendute a Wall Street e un’economia ancora altamente vulnerabile all’impatto duraturo della pandemia ci suggeriscono che dovremo ancora vedere alti e bassi drammatici, nonché cambiamenti significativi nel settore del trading online nel suo complesso.

Ci sono molte opportunità da aspettarsi, ma i trader devono essere preparati ai rapidi cambiamenti tipici dei mercati. La gestione del rischio e le strategie di trading ben pianificate sono al centro di qualsiasi transazione di trading, grande o piccola che sia.

Fai trading adesso