7 min read 

Il Williams’ %R (chiamato anche “Williams’ Percent Range o Indice Williams di ipercomprato/ipervenduto) è uno strumento di analisi tecnica semplice, ma estremamente efficace, perfetto nel determinare i livelli di ipercomprato e ipevenduto. L’indicatore funziona al meglio su intervalli di tempo intraday, giornalieri, settimanali e mensili. Essendo un oscillatore, si muove da 0 a -100 e, per il suo funzionamento, somiglia molto allo Stocastico. Per poter usare il %R in modo efficace è necessario comprendere come funziona, quello che può fare e quali sono i suoi limiti.

Come funziona?

Il Williams’ %R è un indicatore di tipo oscillatore, molto simile per natura all’Oscillatore Stocastico, con la sola differenza nelle scale. Il Williams Percent Range impiega una scala da 0 a -100, mentre per lo Stocastico le letture possono andare da 1 a 100. Lo Stocastico impiega inoltre una media mobile, usata come fonte di segnali di crossover.

Il Williams’ %R confronta il prezzo attuale con i prezzi di un periodo precedente

Il periodo utilizzato di default per il %R è di 14 candele. L’indicatore, quindi, coprirà un periodo di 14 ore per il grafico a 1 ora, e un periodo di 14 settimane per il grafico a 7 giorni. Tuttavia, l’intervallo può essere modificato per aumentare la sensibilità dello strumento (in alternativa, per ridurre il numero di falsi segnali). L’indicatore mostra come il prezzo attuale si comporta in confronto al prezzo massimo di un periodo predeterminato di tempo.

Ora vediamo la lettura dell’indicatore. Quando si avvicina allo 0, questo significa che il prezzo attuale si sta avvicinando (o sta superando) il prezzo massimo osservato sul periodo di tempo predeterminato. Quando si verifica il contrario, e l’indicatore si avvicina alla soglia del -100, il prezzo attuale sta raggiungendo livelli inferiori del prezzo minimo del periodo di tempo prestabilito. Infine, quando la lettura si assesta in prossimità della metà del canale, il prezzo attuale è uguale al prezzo medio del periodo di osservazione.

Come si applica?

Sono diversi i modi in cui è possibile sfruttare il Williams’ %R. L’indicatore viene comunemente usato per determinare i livelli di ipercomprato/ipervenduto, per fornire una conferma dello slancio, o momentum, e i segnali di trading.

Ipercomprato/ipervenduto

Quando l’indicatore è oltre il livello -20, l’asset è considerato in ipercomprato. Quando scende sotto i -80 l’asset è in ipervenduto. L’aspetto positivo è che l’indicatore genera queste letture di default. Non dovrai quindi regolare le impostazioni prima di metterlo all’opera. Non farti confondere dall’estrema semplicità di questo strumento: ipercomprato non significa necessariamente che il prezzo stia per diminuire, così come ipervenduto non comporta sempre un’azione del prezzo in netto rialzo.

Com’è ovvio, tutti i trend sono destinati a subire un’inversione. Infatti, i livelli di ipercomprato/ipervenduto non ti suggeriscono quando avverrà l’inversione. Tali segnali possono essere impiegati per la conferma delle letture ricevute da altri indicatori. Attenzione ai segnali falsi o in ritardo, che comunque risultano particolarmente frequenti nel trading con un solo indicatore e senza ulteriori conferme.

Conferme dello slancio

Nel trading, lo slancio, o momentum, è tanto importante quanto la direzione del trend. Uno slancio forte indica che il trend è destinato a durare ancora. Al contrario, quando lo slancio si indebolisce, il trend perde forza ed è possibile aspettarsi una stagnazione o un’inversione. Questo tipo di conferma è di grande aiuto per ogni trader.

Immagina di aver individuato un nuovo trend al rialzo. Se il %R raggiunge il livello di -20 e rimane al di sopra di esso, il trend attuale probabilmente durerà. Nel caso contrario, se il %R rimane al disotto del livello, il trend potrebbe aver perso forza e, quindi, potrebbe subire un’inversione. Lo stesso si applica ai trend al ribasso. Quando l’indicatore è al di sotto del livello -80, il trend è forte e potrebbe quindi durare. Quando raggiunge la soglia del -80 è possibile un’inversione.

Per due volte consecutive il trend positivo esaurisce loslancio prima che il %R abbia raggiunto il livello di ipercomprato

Limiti possibili

Come molti altri indicatori, il Williams’ %R non deve essere usato da solo, poiché genererebbe una moltitudine di falsi segnali. Lavorando con il Williams Percent Range, alcuni trader escono dal trend troppo presto, perdendo una parte importante del profitto potenziale. È quindi possibile mantenere aperta una posizione finché il prezzo raggiunge livelli complessivamente superiori (o inferiori per le posizioni short), indipendentemente dai segnali forniti dal Williams’ %R. È importante ricordare che si tratta di uno strumento di trading, non di una strategia completa.

Fai trading qui

Il presente articolo non rappresenta un consiglio di investimento. Qualsiasi riferimento a movimenti o livelli di prezzo passati è di carattere informativo e basato su analisi esterne, non forniamo alcuna garanzia che tali movimenti o livelli si possano ripresentare in futuro. In conformità con i requisiti imposti dall'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), il trading con le opzioni binarie e digitali è disponibile esclusivamente ai clienti categorizzati come clienti professionisti.


INFORMATIVA GENERALE SUI RISCHI:


I CFD sono strumenti complessi e comportano il rischio elevato di perdere soldi rapidamente a causa dell'effetto leva. Il 77% degli account degli investitori al dettaglio perdono soldi quando fanno trading con CFD tramite questo fornitore. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di assumerti l'alto rischio di perdita del tuo denaro.