10 min read 

Bitcoin sta dimostrando una performance incredibile quest’anno. Ha iniziato l’anno sui $1000, per aumentare di circa dieci volte, raggiungendo un picco di $11.400 il 29 novembre, seguito da un calo del 10%. Il CME Group con sede a Chicago ha annunciato il lancio dei futures Bitcoin in dicembre, e il NASDAQ ha già rivelato di avere intenzioni analoghe. Uun’opportunità incredibile per gli investitori, no?

Bitcoin Market Cap

Non spingiamoci troppo in là – ci sono alcuni rischi che tutti coloro che possidedono Bitcoin devono considerare. Non preoccupatevi, non sto dall’altra parte e non voglio fare il Jamie Dimon della situazione. Voglio solo che tutti siano al corrente della situazione. Ecco i cinque rischi legati al possesso dei Bitcoin:

Volatilità

Bitcoin, come del resto tutte le altre criptovalute, è estremamente volatile. Si noti che il termine “estremamente” è da interpretare in senso letterale – Bitcoin è molto più volatile dei titoli azionari. Ad esempio, durante il fine settimana del 25 novembre, Bitcoin ha guadagnato $1000 nella propria corsa verso la soglia dei $10.000. Si tratta di più del 10% in due giorni, e non è tutto – nel periodo in cui il suo valore era inferiore, ha fluttuato anche di centinaia di dollari che, in proporzione, rappresentavano una percentuale ancora maggiore.

La buona notizia è che, nonostante l’alta volatilità, Bitcoin sembra essere costante nel suo trend al rialzo nel lungo termine; o almeno è quello che abbiamo potuto notare dall’inizio del 2017. Ora, questo non significa che non possa crollare improvvisamente anche del 20%, cogliendo di sorpresa gli investitori, ma dal primo giorno dell’anno ha guadagnato oltre il 900%.

Lo storico ha dimostrato che più il trend al rialzo è netto, maggiore è la correzione – i possessori di Bitcoin dovrebbero considerare questo rischio.

Attacchi informatici

Bitcoin CyberattackSe custodisci i tuoi Bitcoin presso uno degli exchange online che offrono servizi di portafoglio interni, come ad esempio Coinbase, non dovresti sentirti così sicuro riguardo ai tuoi fondi crittografici. Reuters ha riferito che un exchange o piattaforma di criptovaluta su tre è stato violato e che metà dei servizi è stata costretta a chiudere la propria attività a causa dell’insicurezza virtuale.

Non dovresti fare troppo affidamento sulla reputazione di un determinato exchange di criptovaluta – c’è stato un momento in cui Mt. Gox gestiva circa il 70% di tutte le transazioni Bitcoin, e sai bene cosa è successo.

Custodire i Bitcoin sugli exchange online rappresenta un grave rischio: dovresti prendere in considerazione un portafoglio hardware.

Attacco dai computer quantistici

All’inizio del novembre 2017, un gruppo di esperti ha lanciato l’allarme che la blockchain di Bitcoin potrebbe essere colpita da attacchi di computer quantistici tra dieci anni. Il loro studio suggerisce che tutte le nuove transazioni potrebbero essere hackerate entro il 2027.

Il Dr. Marco Tomamichel, uno dei partecipanti allo studio, ha dichiarato:

“Molti degli account Bitcoin esistenti e tutte le nuove transazioni saranno a rischio fra dieci anni, è necessario pensare alle soluzioni fin d’ora”.

L’attacco 51%

Uno dei problemi reali e di grande importanza per il Bitcoin è rappresentato dal cosiddetto “attacco 51%”, che suggerisce uno scenario in cui una sola organizzazione controllerà il 51% della potenza di mining. Tale organizzazione avrebbe la possibilità di manipolare la blockchain di Bitcoin bloccando le transazioni o raddoppiando i Bitcoin. In tal caso, l’intero sisitema crollerebbe, poiché non avrebbe nessun tipo di affidabilità.

Si potrebbe pensare che si tratti solamente di una minaccia teorica. Non ti fidare troppo – sai qual’è la distribuizione della potenza di hash a oggi? I cinque maggiori pool per il mining producono il 70% della potenza di hash complessiva. Se i tre maggiori miner – AntPool, DiscusFish e Bitfury – unissero le proprie forze raggiungerebbero il fatidico 51%.

Può essere perso per sempre – una volta perso, Bitcoin non può essere recuperato. E questo vale anche per le transazioni – una volta confermate, non possono essere ritirate.

Un nuovo studio ha dimostrato che oltre 3,8 milioni di Bitcoin sono stati persi per sempre – si tratta del 23% della disponibilità totale, o di un Bitcoin su 4,5.

Nel 2009, James Howells, uno specialista del settore delle tecnologie dell’informazione inglese, ha generato 7500 Bitcoin senza alcuno sforzo particolare. Tuttavia, non ha previsto che il suo portafoglio avrebbe guadagnato un valore incredibile nel tempo, e ha buttato l’hard drive del suo laptop Dell. Oggi, l’hard drive dal valore di circa $75 milioni dovrebbe trovarsi fra la spazzatura della discarica di Wales.

Bitcoin e il paragone con Oro e USD

Ora che conosci i principali rischi del possesso di Bitcoin, è tempo di vedere se la valuta legale più scambiata e la merce più affidabile rappresentano un’alternativa migliore rispetto a Bitcoin. Facciamo un paragone separatamente:

Bitcoin vs. USD

  • Inflazione – A differenza del Bitcoin, che ha un limite di emissione di 21 milioni di monete, il dollaro USA è soggetto a inflazione, in quanto la Fed emette sempre più denaro, in particolare dopo la crisi del 2008, con tassi di interesse a zero e tre programmi di allentamento quantitativo. Ciò riduce il valore del dollaro USD per i risparmiatori, poiché si svaluta anno dopo anno. Infatti, il dollaro USA ha perso il 96% del suo potere d’acquisto dal 1913, quando la Fed emise le prime banconote. Bitcoin non è soggetto al rischio di inflazione, il che lo rende uno dei beni più preziosi per i risparmiatori.
  • Il dollaro USD dipende dalle banche – anche se il mercato Forex è decentralizzato, a maggio 2016, le dieci più grandi banche del mondo, tra cui JPMorgan, Citi, UBS, Deutsche Bank, HSBC e Goldman Sachs, rappresentavano il 66% circa del volume complessivo degli scambi sul Forex. Queste banche controllano i flussi di denaro. Bitcoin ha la blockchain e nessuna entità ha il controllo su di essa.
  • Il dollaro USD può subire svalutazione – oltre al fatto che il dollaro USA passa attraverso una svalutazione graduale basata sull’inflazione, la valuta legale può essere colpita dall’iperinflazione nel caso in cui perda il suo status di petrodollaro. Ciò potrebbe accadere nel caso in cui un certo numero di produttori di petrolio si rifiutasse di vendere la propria merce in cambio del dollaro. Bitcoin non è soggetto a un rischio analogo.

Bitcoin vs. Oro

  • L’oro è un bene materiale – Diversamente dal Bitcoin, l’oro è una materia prima, il che significa che è possibile custodirla in un luogo, fisico, sicuro. Potrebbe comunque essere un problema, poiché non è facile maneggiare l’oro. Custodire monete o lingotti potrebbe non essere accessibile.
  • Inconvenienza – fare trading sull’oro è molto più difficile rispetto a fare trading sul Bitcoin. Essendo Bitcoin virtuale, è possibile eseguire le transazioni in pochi clic, in qualsiasi momento. L’oro è infinitamente meno “portabile” del Bitcoin.
  • L’oro dipende da alcuni sistemi centralizzati – anche se il metallo sembra più decentralizzato delle valute legali, Bitcoin rimane il vincitore. Con la tecnologia del libro mastro distribuito, Bitcoin è assolutamente affidabile.
Fai trading qui