5 min read 

Ci sono molte abilità che un trader può sviluppare per migliorare le proprie capacità e conoscenze legate al trading: la capacità di valutare i mercati, prendere decisioni rapide e informate e utilizzare gli strumenti di analisi tecnica. Un trader deve essere in grado di concentrarsi e focalizzare la propria attenzione sul trading, senza distrazioni. Inoltre, il trading può essere psicologicamente estenuante. Ecco perché l’abilità fondamentale da possedere è l’autodisciplina. Sviluppare una buona disciplina può permettere di migliorare qualsiasi altro aspetto della routine di un trader.

Passaggio #1 – Analizzare le proprie debolezze

Il primo passo per migliorare se stessi è scoprire i propri punti deboli, in modo tale da progredire e iniziare a lavorarci su. Poni i punti più impegnativi in cima all’elenco delle cose da affrontare. Quando si parla di disciplina, le distrazioni e gli ostacoli più comuni sono legati all’emotività. Le emozioni controllano in larga misura le nostre decisioni, soprattutto nel trading.

Molti trader ammettono di cadere spesso preda di decisioni affrettate e compulsive, dettate dal proprio stato emotivo. Le emozioni che più spesso influenzano i trader sono l’avidità, la paura, l’eccitazione e la frustrazione. Come conseguenza abbiamo: revenge trading, operazioni chiuse prematuramente o aperte nel momento sbagliato, selezione poco cauta degli asset. Capire quali emozioni si incontrano durante il trading e, magari, annotarle, aiuterà prima di tutto a riconoscerle e poi ad adottare delle misure per gestirne l’influenza.

Un altro punto debole che si riscontra spesso fra i trader è la mancanza di struttura. Non sapere da dove iniziare o cosa fare è normale, a patto che ci si impegni per migliorare in questo aspetto. Preparare un piano di trading personale e un metodo di gestione del rischio può eliminare parte dell’incertezza e del caos dalla tua attività trading e aiutarti a migliorare la tua disciplina.

Passaggio #2 – Attenersi alla nuova routine

Una volta individuati gli errori che minano l’autodisciplina e le misure da adottare per cambiare, elabora una nuova routine e assicurati di attenerti ad essa, in qualunque caso. Cerca di esserne consapevole e pensa a ciò che hai fatto per migliorare la tua disciplina ogni singolo giorno.

La disciplina è un’abitudine e, in quanto tale, richiede del tempo per essere sviluppata e mantenuta nella propria routine. Elimina più che puoi le cattive abitudini, cerca di valutare i tuoi miglioramenti nel tempo e di prendere atto dei tuoi risultati. Annotare i dettagli delle tue prestazioni può essere il segreto, poiché permette di notare i cambiamenti, oltre a offrire una motivazione in più per attenersi al nuovo approccio.

Passaggio #3 – Non scoraggiarsi, ma premiare se stessi

Non dimenticare di premiare te stesso per i risultati ottenuti. Può sembrare un’ovvietà, ma è fondamentale per sentirsi sempre stimolati.

Tuttavia, anche se non dovesse andare al primo colpo, non cedere alla frustrazione. Questo prova soltanto che sei un essere umano. Raggiungere una buona autodisciplina è difficile e a tutti è concessa qualche scivolata di tanto in tanto. Se noti che non sta funzionando, torna al primo passaggio e tenta di individuare cosa sta minando la tua autodisciplina. Quel che conta è che tu ti prenda il tempo per notare i tuoi errori e lavorare su di essi in futuro.

Vai alla piattaforma