5 min read 

Oggi vedremo una strategia di trading che tutti possono usare. E quel che è ancora più interessante è che funziona con tutti gli asset e su qualsiasi intervallo temporale. Ti sembra interessante? Allora non esitare a scoprire di più sui vari aspetti della strategia Bladerunner e su come applicarla nella pratica.

Questa strategia viene chiamata Bladerunner perché taglia l’azione del prezzo proprio come una lama. Per questa strategia non avrai bisogno di nessun indicatore esterno al grafico (gli indicatori che si collocano sotto al grafico), come il MACD, l’Awsome Oscillator o lo Stocastico. C’è un solo indicatore assolutamente indispensabile per fare trading con la strategia Bladerunner, ed è un’EMA (media mobile esponenziale) a 20 periodi. Maggiori informazioni sulla natura delle medie mobili qui.

Anche i livelli di supporto e resistenza svolgono un ruolo importante nell’attuazione di questa strategia. Nota che la Bladerunner, come la maggior parte delle altre strategie disponibili, dovrebbe essere regolata in base all’ora del giorno in cui fai trading.

La logica alla base della strategia è abbastanza semplice. Se il prezzo è superiore all’EMA e ne ritesta il livello, è possibile che si continui il movimento verso l’alto. Se il prezzo è inferiore all’EMA e continua a rimanere al di sotto, ci si può aspettare che continui il suo movimento al ribasso. Quando il prezzo si sposta attraverso l’EMA e la candela si chiude sull’altro lato della curva, ci si può aspettare un’inversione del trend. In altre parole, l’EMA svolge il ruolo di un livello di supporto/resistenza in movimento.

Per individuare un punto di ingresso, il trader deve prima assicurarsi che il prezzo abbia lasciato l’intervallo stabilito, in cui l’asset è stato scambiato per un periodo di tempo sostanziale. In secondo luogo, il prezzo deve anche testare nuovamente il livello dell’EMA: non solo la candela deve chiudersi sopra/sotto l’EMA, ma il prezzo deve rimbalzare da questa linea e continuare a muoversi nella stessa direzione per considerare un segnale come confermato. Solo allora il segnale può essere considerato confermato.

Può anche essere saggio considerare l’utilizzo di un ordine di stop-loss quando si utilizza la strategia Bladerunner. In questo modo sarai in grado di gestire il rischio quando il segnale ricevuto dal sistema di trading dovesse risultare falso. Altri indicatori, sebbene non essenziali, possono essere aggiunti al sistema di trading al fine di ridurre il numero di falsi segnali.

Ecco un esempio di come mettere in pratica questa strategia. Dopo aver individuato un’asset scambiato in un determinato intervallo, è possibile applicare una media mobile esponenziale a 20 periodi al grafico del prezzo. Quindi, attendere che l’azione del prezzo lasci tale intervallo. Se il prezzo dell’asset non rientra nell’intervallo e lo testa nuovamente, è possibile considerare l’apertura di una posizione long (acquisto) in caso di tendenza rialzista e una posizione short (vendita) in caso di tendenza ribassista. Questo è il modo di sfruttare la strategia Bladerunner nel trading.

Ricorda che non esiste una strategia efficace nel 100% dei casi. Tutte le strategie possono funzionare in determinate circostanze ma prima o poi falliranno quando le condizioni del mercato cambieranno.

Fai trading subito