9 min read 

I trader usano l’indicatore RSI per definire i livelli di ipercomprato/ipervenduto sul mercato. Esistono però modi di applicare l’RSI che aumentano ancora di più la precisione di questo indicatore.

I segnali dati da RSI
Metodo di applicazione standard dell’RSI

Il primo metodo comporta comprare opzioni nel momento in cui l’RSI esce dalla zona di ipercomprato/ipervenduto.

  • Quando il valore della linea RSI scende sotto il 30% del livello di ipervenduto, solitamente la tendenza al ribasso diminuisce, e questo significa che l’uscita da questa zona è il momento giusto per aprire una posizione per il rimbalzo.
  • Quando il valore della linea RSI sale a oltre il 70% del valore di ipercomprato, di solito bisogna considerare la possibilità di entrare dopo un pullback.

Comprare opzioni è un’operazione che deve essere effettuata solo nel momento in cui l’indicatore esce dalla zona di ipercomprato/ipervenduto.

LRSI nei brevi periodi

Il secondo metodo si applica se scambi opzioni turbo o binarie con scadenza inferiore ai 30 minuti, quando i livelli 70 e 30 non sempre permettono di eseguire entrate accurate. Il periodo dovrebbe essere ridotto per permettere all’indicatore di raggiungere i suoi valori estremi più spesso. Per periodi inferiori all’ora si possono usare un RSI uguale a 5 e livelli a 90/10 o anche 95/5.

Esempio di impostazione RSO a 90/10 con periodo 5:

RSI con 5 periodo
RSI con peridio di 5 su un grafico da 1 minuto

3° metodo. Per ulteriore sostegno bisogna prestare attenzione al periodo maggiore al fine di vedere la tendenza globale. Scambiare opzioni binarie contrastanti la tendenza è una cattiva idea, quindi la direzione del segnale del periodo attuale e quello superiore devono combaciare.

Così è come il segnale di sostegno appare su grafici da 1 minuto e 5 minuti:

Segnali in diversi periodi
Periodo e livelli di RSI dovrebbero combaciare su entrambi i grafici

Periodo e livelli di RSI dovrebbero combaciare su entrambi i grafici.

Il quarto metodo è una tecnica di rivendita per trade molto brevi. Questo metodo viene frequentemente usato dai trader americani. La caratteristica della strategia è di ottenere un gran numero di segnali durante un breve periodo di tempo. L’obiettivo principale è di minimizzare ail tempo di risposta a ciascun indicatore.

Impostazioni:

  • Periodi RSI uguali a 2 barre;
  • I limiti di ipercomprato sono impostati al massimo possibile, ovvero 99 per l’ipercomprato e 1 per l’ipervenduto.

Come sempre, questa strategia è usata sul grafico M1 o M5. La scadenza delle opzioni binarie di solito non supera i 5 minuti.

Rivendita con RSI
Impostare l’RSI per la rivendita

Divergenze RSI

Il quinto metodo è di trovare divergenze. La divergenza è una differenza tra il grafico del prezzo ed i valori dell’indicatore, per esempio quando il grafico tende al massimo superiore e l’indicatore mostra quello inferiore.

Un esempio è quello del grafico qui sotto, dove i due massimi di prezzo sono sullo stesso livello ma nel grafico dell’indicatore il secondo massimo è più alto:

RSI Divergenza
Divergenza

Tutti i tipi di divergenza sono present nel grafico qui sotto. La regola da ricordare è di seguire  il trend dell’indicatore, ovvero quando sale comprare opzioni CALL, e quando scende, comprare opzioni PUT.

divergenza
Tipi di divergenza

Esempio di position entry basata sulla divergenza RSI:

Divergenza RSI
Entrata nella posizione sulla base della divergenza RSI

RSI + Bande di Bolinger

L’ultimo metodo, il sesto, consiste nel combinare gli indicatori RSI e le Bande di Bollinger. Il primo mostra i movimenti secondari ed il secondo mostra la direzione principale del mercato. Come risultato otteniamo segnali molto precisi per il position entry.

Le regole di trading secondo l’RSI sono del tutto standard, acquistiamo un’opzione PUT in caso di uscita dalla zona di ipercomprato, un’opzione CALL in caso di uscita della linea dell’indicatore dalla zona di ipervenduto. Tuttavia entriamo solo quando il prezzo si trova vicino alla linea inferiore delle Bande di Bollinger, che fungerà da filtro. Idealmente il prezzo dovrebbe intersecare la linea proprio quando si riceve il segnale RSI.

In caso di segnale Su, il prezzo di apertura della candela di ripartizione deve trovarsi al di sotto della linea, il prezzo di chiusura al di sopra:

RSI PUT + Bollinger
Segnale CALL con filtro delle bande di Bollinger

Lo stesso vale per la vendita, il prezzo deve intersecare contemporaneamente la linea superiore del canale – prezzo di apertura superiore, prezzo di chiusura inferiore (all’interno del canale):

Bollinger e RSI Segnali SU con filtro delle bande di Bollinger
Segnale PUT con filtro delle bande di Bollinger

Il tempo di scadenza può variare a seconda del timeframe utilizzato.

Idealmente, il tempo di scadenza dovrebbe essere pari alla quantità di barre per il raggiungimento della media mobile (linea mediana del canale) dai bordi del canale. Si può calcolare il numero medio di barre necessarie al prezzo per percorrere la distanza tra un confine e l’altro, e dividere questo valore per 2.

Conclusione

I più noti e diffusi indicatori, se utilizzati correttamente, sono in grado di diventare la base di una strategia di trading redditizia. Abbiamo esaminato alcuni semplici metodi per aumentare la percentuale di operazioni proficue secondo la strategia tradizionale RSI. Prova ad usare questi metodi sul conto gratuito di trading.

Gli indicatori tradizionali si sono talmente inseriti nella vita dei trader, che molti semplicemente non li considerano uno strumento di trading serio. Allo stesso tempo la maggior parte degli sviluppi più moderni si basa sullo stesso RSI o sulle medie mobili. Il principale vantaggio del RSI consiste nella sua universalità. È infatti possibile utilizzare l’indicatore con uguale successo su valute, titoli azionari o commodity, senza perdere la qualità del segnale.

Vai alla piattaforma

Il presente articolo non rappresenta un consiglio di investimento. Qualsiasi riferimento a movimenti o livelli di prezzo passati è di carattere informativo e basato su analisi esterne, non forniamo alcuna garanzia che tali movimenti o livelli si possano ripresentare in futuro. In conformità con i requisiti imposti dall'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), il trading con le opzioni binarie e digitali è disponibile esclusivamente ai clienti categorizzati come clienti professionisti.


INFORMATIVA GENERALE SUI RISCHI:


I CFD sono strumenti complessi e comportano il rischio elevato di perdere soldi rapidamente a causa dell'effetto leva. Il 77% degli account degli investitori al dettaglio perdono soldi quando fanno trading con CFD tramite questo fornitore. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di assumerti l'alto rischio di perdita del tuo denaro.