5 min read 

Ti sei mai reso conto che stai applicando indicatori multipli al tuo grafico (più sono, meglio è) sperando in un risultato positivo? Ti sei mai chiesto se stai usando la giusta combinazione di indicatori?

Se sei ancora confuso su cosa servano gli indicatori, come utilizzarli e quando è meglio applicare l’uno o l’altro indicatore, allora questo articolo fa per te. Analizziamo la questione rendendo il più semplice possibile iniziare ad applicare l’analisi tecnica al tuo grafico da subito.

Perché ti servono

Un indicatore tecnico può essere applicato al grafico dell’asset per analizzare il movimento del mercato precedente e definire i modelli. L’essenza di qualsiasi indicatore è un calcolo matematico il cui risultato permette ai trader di fare previsioni sul futuro andamento dei prezzi.

Gli indicatori tecnici sono di grande utilità ai trader a breve termine. Siccome non comportano un’analisi dell’attività fondamentale (utili, entrate ecc.), non saranno utili per gli investitori a lungo termine.

È importante capire come classificare gli indicatori e come utilizzarne correttamente i vari tipi. Un’implicazione precisa degli indicatori aiuta a prevedere con maggiore precisione l’andamento dei prezzi. In generale, è essenziale capire cosa rappresenta esattamente ciascun indicatore e cosa devi prendere in considerazione quando li applichi,

Tutti gli indicatori possono essere suddivisi in due categorie: indicatori di tendenza e oscillatori.

Indicatori che seguono le tendenze

Determinano la tendenza attenuando la volatilità che si verifica naturalmente sul grafico. Di solito si basano sull’attività passata del grafico e alcuni, come il MACD, ad esempio, possono anche misurare la forza del trend.

Gli indicatori di tendenza sono ottimi da usare per stabilire la direzione della tendenza e decidere quando inserire l’operazione. Al momento puoi trovare sulla piattaforma indicatori di tendenza come la media mobile, le bande di Bollinger, l’Alligator, il MACD, il SAR Parabolico e la nuvola di Ichimoku. È facile distinguere gli indicatori di tendenza, in quanto per la maggior parte vengono mostrati sul grafico, mentre gli oscillatori vengono mostrati solitamente sotto il grafico.

L’indicatore Alligator sul grafico dei prezzi

Oscillatori

Questi indicatori determinano condizioni di ipercomprato e ipervenduto a breve termine. Sono utili per trovare i pivot point in quanto il prezzo non rimane a lungo nella zona di ipercomprato o ipervenduto.

Gli oscillatori non sono così efficaci in un mercato di tendenza e il loro migliore utilizzo si ottiene quando il grafico non mostra una forte tendenza in nessuna direzione. Generano punti di entrata e di uscita nel momento in cui il prezzo dell’asset si allontana troppo dal range abituale. Gli oscillatori più popolari includono l’RSI, lo Stocastico e l’Awesome Oscillator.

Come combinarli?

Per combinarli con successo, devi definire il tipo di indicatore che stai per utilizzare. Perché? Perché usare più indicatori dello stesso tipo porterà semplicemente a duplicare i segnali – in questo caso più sono, meglio è non è affatto vero.

La regola che forse vorrai ricordare è che la combinazione ottimale implica indicatori che si completano e non si ripetono. Utilizzare più di 3-4 indicatori sul grafico potrebbe essere superfluo, quindi scegli meno, ma fallo con saggezza.

Puoi anche combinare i tuoi indicatori con l’analisi fondamentale per un quadro più completo.

Fai trading qui

Il presente articolo non rappresenta un consiglio di investimento. Qualsiasi riferimento a movimenti o livelli di prezzo passati è di carattere informativo e basato su analisi esterne, non forniamo alcuna garanzia che tali movimenti o livelli si possano ripresentare in futuro. In conformità con i requisiti imposti dall'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), il trading con le opzioni binarie e digitali è disponibile esclusivamente ai clienti categorizzati come clienti professionisti.


INFORMATIVA GENERALE SUI RISCHI:


I CFD sono strumenti complessi e comportano il rischio elevato di perdere soldi rapidamente a causa dell'effetto leva. Il 77% degli account degli investitori al dettaglio perdono soldi quando fanno trading con CFD tramite questo fornitore. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di assumerti l'alto rischio di perdita del tuo denaro.