2 min read 

La scorsa settimana sono state pubblicate piuttosto tante statistiche economiche rilevanti. Il basso prezzo del petrolio influisce negativamente sullo sviluppo economico dell’Europa – le vendite al dettaglio e l’indice dei prezzi alla produzione continuano a scendere, tuttavia la situazione attuale influisce favorevolmente sul tasso di disoccupazione che tuttavia si trova a valori molto alti e ancora molto distanti dai livelli ottimali (6%).

image05 image00

Questo venerdì sono stati pubblicati i dati dal mercato del lavoro USA – tasso di disoccupazione e “NonFarm”, numero di nuovi posti di lavoro nel settore non agricolo. Il tasso di disoccupazione è sceso dello 0.1% a 4.9%, minimo record degli ultimi anni. Questa è una notizia positiva per il dollaro USA e la quotazione si è rafforzata significativamente per un certo periodo, nonostante i deboli dati “NonFarm”.

image01

Questa settimana, venerdì 12 febbraio, saranno pubblicati dei dati importanti: PIL dell’Eurozona trimestrale e annuale. Il raggiungimento dei valori in obiettivo è al momento attuale un buon risultato per l’Europa e se i dati saranno uguali alle aspettative la valuta unica europea si rafforzerà.

 

image06

 

Grafico orario EURUSD
Grafico orario EURUSD

Sul grafico in alto si vede come dopo la pubblicazione del report su disoccupazione USA il dollaro si è significativamente rafforzato, e ora sul mercato si prevede una correzione al rialzo verso il livello di resistenza = 1.1200 (indicato dalla linea gialla orizzontale).

 


Сomenzar a operar