3 min read 

Gli ultimi giorni di scambi non hanno fornito grandi spunti per i trader impegnati nel nascente segmento delle criptovalute, stiamo assistendo, semmai, ad una fase laterale con prezzi stabili o in discesa. E’ questo senz’altro il caso del Bitcoin (BTC), la criptovaluta ritenuta più importante al mondo, che si trova ad essere scambiata poco al di sotto dei 8200 $. Dal grafico si può notare come la resistenza posta a 10000$ abbia retto abbastanza bene e il prezzo abbia iniziato a muoversi lungo un canale discendente; il prossimo livello di supporto, a questo punto, è a 8000$.

Bitcoin

I maggiori driver nella formazione dei prezzi sono state le notizie di nuove messe al bando di pubblicità con oggetto la promozione delle criptovalute. In questo caso ad aggiungersi alla lista che annovera già giganti come Facebook e Twitter c’è Microsoft, che col suo motore di ricerca Bing e l’ecosistema cloud legato ad Hotmail è tra i maggiori generatori di traffico web al mondo.

C’è da sottolineare, comunque, che molte di queste aziende reputano come una grande possibilità di crescita le valute digitali e la loro tecnologia a blocchi. Facebook, ad esempio, ha di recente annunciato l’intenzione di creare una propria criptovaluta che, nelle intenzioni dei suoi creatori, non dovrebbe permettere la possibilità di essere usata per scopi illegali dai suoi utilizzatori.

Sul fronte delle notizie positive per il settore c’è quella della possibilità che l’Ucraina possa presto aggiungersi alla lista dei paesi che hanno reso legale l’uso delle valute virtuali nella propria giurisdizione monetaria.

Su Facebook un importante parlamentare facente parte della maggioranza, Alexi Mushak, ha presentato una bozza di quella che dovrebbe diventare legge e consentire al paese dell’Est Europa, che ha da poco vissuto vicende finanziarie alterne per via del default sul proprio debito sovrano, di diventare uno dei più avanzati al mondo in materia di criptovalute.

Anche la Banca Centrale condivide questo disegno e sta predisponendo l’occorrente per rendere le nuove valute digitali asset finanziari a tutti gli effetti, con possibilità di essere liberamente scambiati con altri beni nelle borse valori del paese. Ciò potrebbe essere molto importante in prospettiva futura perché Kiev dovrebbe entrare a far parte dell’Unione Europea e questo potrebbe condizionare altri membri a percorrere una strada simile.

Fai trading qui