Tag:
4 min read 

Apple è l’azienda con maggiore capitalizzazione di mercato al mondo. Al prezzo attuale di 187$ per azione la compagnia viene valutata dal mercato circa 924 miliardi di dollari. Purtroppo, però, sebbene le sue azioni si siano apprezzate, negli ultimi anni la società fondata da Steve Jobs ha sottoperformato il mercato rispetto ad altre aziende tecnologiche, come Netflix, Nvidia, Amazon e Google. Quali sono, ad oggi, le prospettive per il futuro?

Apple

Nella visione strategica del CEO Tim Cook Apple dovrà impegnarsi su più fronti e mercati rispetto a quelli odierni, soprattutto è necessaria un’espansione nelle attività legate ai servizi. Dalle offerte lavorative offerte dall’azienda si notano subito molte posizioni che richiedono esperienza nei settori del machine learning e dell’intelligenza artificiale. In questi settori, che secondo le stime di tutti saranno tra quelli in massima espansione nei prossimi anni, la casa della mela morsicata appare indietro rispetto ai competitors ma sembra voglia recuperare terreno.

Il livello di sofisticatezza dell’assistente artificiale fornito da Google, ad esempio, è molto maggiore, come dimostrano centinaia di video di comparativa presenti su Internet. E’ probabile, comunque, che le cose miglioreranno presto, visti gli investimenti in atto. Per quanto riguarda i settori più tradizionali, come quello dell’hardware di consumo, l’azienda rimane ai vertici sia nel fatturato che nei margini. La prossima stagione autunnale dovrebbe garantire ottimi incassi, visto che proprio in queste ore è stato annunciato un refresh della linea Macbook, che andrà ad integrare l’ottava generazione di architettura Core di Intel.

Per quanto riguarda il segmento mobile, la nuova generazione di iPhone dovrebbe continuare a garantire un certo vantaggio prestazionale rispetto alla concorrenza. Apple, infatti, è riuscita a proporre processori mobile dal design custom che hanno stracciato le proposte di Samsung e di altri produttori di dispositivi mobile premium sul fronte delle prestazioni nelle applicazioni a singolo thread.

Ciò è dovuto all’altissimo numero di istruzioni per ciclo di clock, dimostrazione di una capacità ingegneristica nei semiconduttori superiore. Inoltre questo gap potrebbe anche aumentare nell’immediato futuro, poiché Apple sembra aver già prenotato tutti i wafer a 7nm prodotti da TSMC fino a fine anno, garantendosi un vantaggio anche per quanto riguarda il processo produttivo (Samsung, GlobalFoundries e Intel avranno proposte a 7nm solo successivamente). Il futuro dell’azienda, in definitiva, sembra abbastanza roseo e pertanto è facilmente ipotizzabile raggiungere i 200$ entro fine anno.

Fai trading qui