5 min read 

Nel 2017 abbiamo visto un’esplosione di crescita nel mercato delle criptovalute, e sono molto i fattori che hanno contribuito a questo interesse generale da parte degli investitori.

E il 2018 sarà un anno decisivo. Alcuni fondi istituzionali cominceranno ad investire in cryptovalute e si vedranno i risultati di questi primi tentativi di trasformare il sistema economico nel quale viviamo.

E’ importante quindi, se vogliamo prendere parte a questa trasformazione, capire quali sono le differenze tra le singole realtà che compongono questo mercato sempre più ricco.

Primo fra tutti è stato Bitcoin, la cryptovaluta nata come tentativo di sostituire il sistema economico centralizzato che tutti conosciamo. Per la prima volta, grazie a Bitcoin, è stato possibile effettuare transazioni via internet direttamente tra persone, senza ricorrere ad un’autorità centrale. Ma la portata di questa trasformazione sta cominciando soltanto adesso ad essere riconosciuta globalmente. Ci sono voluti anni infatti prima che la tecnologia stessa venisse compresa anche da persone senza una specifica competenza tecnica.

E possiamo senz’altro dire che una delle cause dell’interesse generale da parte del pubblico nei confronti delle cryptovalute è stata la nascita di Ethereum.

EthereumQuesto protocollo infatti ha dato origine alla realizzazione di applicazioni sulla base della tecnologia blockchain, dando quindi la possibilità a sviluppatori di tutto il mondo di creare nuovi token che sfruttano il concetto di decentralizzazione in vari modi.

La forza di Ethereum è stata quindi quella di essere la base per la creazione di nuovi network, e non soltanto un network di per sé.

Un nome appropriato per definire Ethereum è quello di protocollo.

Ed in seguito alla sua nascita, molti altri protocolli hanno cominciato ad essere creati e sempre di più ne verranno creati in futuro, dando vita ad un ecosistema senza precedenti.

Vediamo insieme alcuni dei protocolli sulla base della tecnologia blockchain che attualmente esistono.

EOSEOS ad esempio è un nuovo sistema operativo decentralizzato disegnato per supportare la creazioni di applicazioni su scala commerciale. E’ stato fondato dagli stessi creatori di Steemit e Bitshares, e promette di essere una solida soluzione tecnologica per il futuro delle applicazioni su base blockchain.

NEM (XEM) è una piattaforma blockchain nata in Giappone nel 2015. Il suo scopo è quello di fornire la base per lo sviluppo di applicazioni su linguaggi conosciuti come JAVA e C++.

NEONEO, nato inizialmente con il nome di AntShares nel 2014, potremmo dire che rappresenta la versione asiatica di Ethereum, avendo infatti molte similitudini con quest’ultimo, e rappresentando anch’esso una piattaforma per lo sviluppo di applicazioni su base blockchain.

Stellar (XLM) è un’infrastruttura che permette di effettuare transazioni di vari assets in maniera veloce, affidabile ed economica. Grazie a queste caratteristiche ha ottenuto importanti partnership, come quella con IBM.

Lisk è un interessante progetto con sede a Berlino, che sviluppa una piattaforma decentralizzata sulla base della quale è possibile creare applicazioni tramite un linguaggio famoso come Javascript.

Stratis è una Blockchain-as-a-service platform, creata per fornire soluzioni finanziarie per clienti istituzionali che desiderano sfruttare la tecnologia blockchain.

Waves è una piattaforma open-source creata nel 2016 da un fisico russo, che permette la creazione di cryptotoken customizzati a seconda delle esigenze.

Fai trading qui

Il presente articolo non rappresenta un consiglio di investimento. Qualsiasi riferimento a movimenti o livelli di prezzo passati è di carattere informativo e basato su analisi esterne, non forniamo alcuna garanzia che tali movimenti o livelli si possano ripresentare in futuro. In conformità con i requisiti imposti dall'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), il trading con le opzioni binarie e digitali è disponibile esclusivamente ai clienti categorizzati come clienti professionisti.


INFORMATIVA GENERALE SUI RISCHI:


I CFD sono strumenti complessi e comportano il rischio elevato di perdere soldi rapidamente a causa dell'effetto leva. Il 77% degli account degli investitori al dettaglio perdono soldi quando fanno trading con CFD tramite questo fornitore. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di assumerti l'alto rischio di perdita del tuo denaro.