3 min read 

Il Bitcoin (BTC) e tutto il mercato delle criptovalute subiscono un tracollo dopo la rivelazione che, secondo alcune indiscrezioni, Goldman Sachs è intenzionata ad abbandonare i suoi piani per la creazione di un desk per il trading delle criptovalute. Un desk dedicato avrebbe significato molta più liquidità sul mercato, migliori scambi e migliore esposizione mediatica. Inoltre, per molti pesci grossi della finanza, come fondi di investimento e fondi pensioni, questo ritiro è un campanello d’allarme anche per i loro futuri piani, in quanto possono operare, per motivi istituzionali, solo con asset finanziari liquidi e facilmente tradabili. La presenza di un desk dedicato da parte di Goldman Sachs sarebbe stata per loro una garanzia inequivocabile.

Bitcoin

Il Bitcoin è arrivato a perdere circa mille dollari di valore, in uno dei sell-off più forti dell’anno; ora si trova ad essere scambiato a circa 6470$. Inoltre, dal punto di vista grafico, questo costituisce una battura d’arresto che fa uscire il prezzo dal trading range del canale rialzista su cui si trovava ad oscillare, segnando un cambio di rotta importante nel medio periodo. Un’altra notizia recente ha impattato certamente sui prezzi: ShapeShift, nota piattaforma per lo scambio immediato di criptovalute con valute tradizionali, ha introdotto l’obbligo di accreditarsi con credenziali per effettuare qualsiasi operazione.

Questa mossa non può che preoccupare gli investitori con posizioni lunghe, in quanto in questo modo si perde il vantaggio dell’anonimato e dell’immediatezza nell’uso delle nuove valute digitali. Inoltre la decisione di ShapeShift potrebbe essere seguita anche da altre piattaforme simile nel futuro. Come unica notizia positiva della giornata c’è da segnalare che l’Iran ha appena approvato una legislazione che dovrebbe favorire la creazione di mining farm nel paese, che è uno di quelli col prezzo dell’energia elettrica più bassi del mondo. Il governo di Teheran, evidentemente, spera di poter usare le criptovalute come mezzo per arginare, per quanto possibile, gli effetti delle sanzioni internazionali sulla sua economia.

Fai trading qui