5 min read 

L’indicatore Vortex è un oscillatore che viene impiegato per determinare l’inizio di un nuovo trend o per confermare un trend in corso, la sua direzione e la sua forza. Consiste in due linee che catturano l’andamento del trend positivo e negativo. Le linee sono chiamate linea del trend al rialzo (VI+) e linea del trend al ribasso (VI-).

L’essenza del pattern del vortice sta nella connessione dei punti massimo e minimo delle barre o candele del prezzo di mercato. Il principio dell’indicatore è piuttosto semplice: maggiore è la distanza fra il minimo di una barra del prezzo e il massimo della barra successiva, maggiore è il movimento al rialzo. Allo stesso modo, maggiore è la distanza fra il massimo di una barra e il minimo della barra successiva, maggiore è l’andamento al ribasso.

Le origini

Il Vortex è stato sviluppato da Etienne Botes e Douglas Siepman, ispirati dal lavoro di un inventore austriaco, Viktor Schauberger. Quest’ultimo basava le proprie idee e scoperte sui fenomeni osservabili in natura. Ha esaminato il flusso dell’acqua e, seguendo questa idea, i creatori dell’indicatore hanno suggerito che i movimenti che avvengono sui mercati finanziari possono essere paragonati ai vortici creati dai flussi d’acqua. Inoltre, è stato preso in considerazione il concetto di movimento direzionale, aggiungendo al calcolo dell’indicatore il valore del true range.

Come impostarlo

Questo indicatore, appena inserito nella nostra piattaforma, rientra nella categoria degli indicatori di <Momentum> ed è disponibile nella relativa scheda nel menù degli indicatori.

This image has an empty alt attribute; its file name is 111.png

L’impostazione di default prevede un periodo di 14 per le linee principali e imposta la linea di ipercomprato a 1,1 e quella di ipervenduto a 0,9. È possibile mantenere le impostazioni di default o modificarle in base alle proprie esigenze e al proprio stile personale di trading.

Come fare trading

Una volta applicato l’indicatore Vortex al grafico è il momento di leggerne i segnali.

Di default, la linea del trend al rialzo è blu, mentre quella del trend al ribasso è viola.

Generalmente la linea che occupa la posizione superiore indica se l’asset è al rialzo o al ribasso. È importante prestare attenzione ai punti di intersezione fra le due linee, così come alla loro posizione rispetto alle linee di ipercomprato e ipervenduto.

Il segnale <buy> si verifica quando la linea VI+ è al di sopra della linea VI- e la attraversa dal basso verso l’alto, occupando la posizione superiore. Un segnale <sell> può essere determinato nel momento in cui la linea VI- è al di sotto della linea VI+ e la attraversa per occupare il posto superiore fra le linee del trend.

Nell’immagine è possibile vedere l’indicatore Vortex applicato al grafico di EUR/USD. I crossover nell’esempio mostrano chiaramente la variazione nel trend, mentre la distanza fra le linee ne riflette la forza.

Dal momento che si tratta di un indicatore universale, si adatta tanto al trading a breve termine, quanto a quello sul lungo termine.

La combinazione del Vortex con altri indicatori aiuterà a evitare i falsi segnali e potrebbe prevedere l’utilizzo del MACD o dell’ADX. Naturalmente la combinazione con altri indicatori permetterà un’analisi di mercato più precisa. Potrebbe inoltre essere utile abilitare le funzioni di stop loss, per poter gestire i rischi potenziali.

Provalo subito

Il presente articolo non rappresenta un consiglio di investimento. Qualsiasi riferimento a movimenti o livelli di prezzo passati è di carattere informativo e basato su analisi esterne, non forniamo alcuna garanzia che tali movimenti o livelli si possano ripresentare in futuro. In conformità con i requisiti imposti dall'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), il trading con le opzioni binarie e digitali è disponibile esclusivamente ai clienti categorizzati come clienti professionisti.


INFORMATIVA GENERALE SUI RISCHI:


I CFD sono strumenti complessi e comportano il rischio elevato di perdere soldi rapidamente a causa dell'effetto leva. Il 77% degli account degli investitori al dettaglio perdono soldi quando fanno trading con CFD tramite questo fornitore. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di assumerti l'alto rischio di perdita del tuo denaro.