7 min read 

Titoli azionari della marijuana – valgono i tuoi soldi? David Kretzmann, capo analista di Motley Fool, ritiene che la cannabis sia attualmente in una buona posizione per diventare l’equivalente del fenomeno cripto. Immagina di aver acquistato Bitcoin nel lontano 2013, quando una moneta valeva solo $130, e averla venduta alla fine del 2017, per il valore di $19.535. Durante il suddetto periodo il BTC è cresciuto di 150 volte. Non tutti concordano sul fatto che le azioni della marijuana dimostreranno una crescita di tale entità. Tuttavia, senza ombra di dubbio questa nuovissima classe di asset può essere di grande valore per gli investitori che sappiano come scambiarla.

Alcuni esperti affermano che i settori della criptovaluta e della cannabis hanno molto in comune

5 titoli azionari della cannabis e un ETF si trovano sulla piattaforma IQ Option (e possono essere scambiati come CFD). Leggi questo articolo per scoprire di più su questi asset e su come scambiarli. Prima, però, vediamo l’elenco completo dei nuovi asset legati alla marijuana:

Nome dell’assetTipo di asset
AURORA CANNABIS INCStock
CANOPY GROWTH CORPStock
CRONOS GROUP INCStock
TILRAY INC-CLASS 2 COMMONStock
ANHEUSER-BUSCH INBEV-SPN ADRStock
ETFMG ALTERNATIVE HARVESTETF

Come si fa trading con i CFD sulle azioni della cannabis?

Per anni, il commercio di marijuana è stato un’attività illegale, limitata ai piccoli delinquenti. Nel 2012 tutto è cambiato, quando il Colorado e Washington sono divenuti i primi due Stati americani a rendere legale l’uso della cannabis a scopo ricreativo. Da allora, varie importanti società si sono dedicate ai settori della coltivazione e distribuzione della cannabis. Alcune di queste sono state quotate in borsa e hanno accolto a braccia aperte gli investitori internazionali.

Non sorprende il fatto che i cambiamenti della legislazione statunitense abbiano causato un effetto a cascata. Gli Stati Uniti sono il primo produttore al mondo di cannabis. Inoltre, il 16,3% della popolazione USA – 327 milioni in totale – dichiara di fare uso di cannabis.

Status legale della cannabis a scopo ricreativo per Paese (blu = legale)

Attualmente la cannabis è completamente legale in 4 Paesi: Canada, Georgia, Sud Africa e Uruguay. Questo fa delle società americane e canadesi i leader indiscussi del settore. Secondo numerosi esperti, la produzione di marijuana, così come ogni altro settore giovane, offre opportunità senza pari per coloro che 1) sceglieranno le società giuste in cui investire, 2) lo faranno più rapidamente del resto del mercato.

Come fare trading sui titoli della marijuana?

Non esiste un’unica, migliore strategia per fare trading sulle azioni della marijuana (così come per ogni altro asset quotato in borsa). Nel corso di alcuni anni, il settore della cannabis si è trasformato da attività illegale in un business da miliardi di dollari. Sapere quando acquistare e vendere CFD sui titoli delle rispettive società può generare risultati impressionanti.

Gli ETF incentrati sulla cannabis possono essere scambiati nel medio/lungo periodo

Ricorda che, nonostante il grande entusiasmo con cui se ne parla, la marijuana ha comunque molto in comune con le materie prime meno “divertenti”. Periodi di siccità o alluvioni possono senza dubbio influenzare la produzione e, quindi, il prezzo di mercato della marijuana. I raccolti scarsi si traducono quasi sempre in prezzi azionari più bassi. Anche la stagionalità può entrare in gioco, come nel caso del mais o delle patate.

Altri fattori, come le iniziative del management, i buyback e i programmi di taglio dei costi possono anch’essi influenzare direttamente il corso azionario. Dopotutto, dal punto di vista del mercato, i produttori di marijuana sono semplicemente delle società che mettono in vendita il proprio prodotto. Più denaro guadagnano, più in alto salirà il corso azionario, e viceversa. L’impossibilità di fornire risultati tangibili, invece, condurrà a una contrazione nella capitalizzazione di mercato.

Gli indicatori di analisi tecnica che funzionano con gli altri titoli azionari funzioneranno benissimo anche con quelli della cannabis. Elabora il tuo sistema di trading e testane la funzionalità con la società che desideri. Maggiori informazioni sull’analisi tecnica qui.

Ricorda che le quote delle società del settore della cannabis, nonostante le elevate aspettative di potenziale di crescita nel medio termine, possono subire deprezzamenti proprio come ogni altro asset. Quando lavori con IQ Option non devi acquistare le quote di una società per poterle vendere. Come con ogni altro asset, i trader considerano l’apertura di una posizione short (di vendita) quando è prevista una diminuzione del prezzo. Puoi speculare sull’andamento sia positivo, che negativo del corso azionario della marijuana. Attualmente il settore è volatile e il volume di trading elevato, il che significa che le opportunità di trading sono numerose. Tuttavia, questo è qualcosa che molto probabilmente potrebbe cambiare, dato che non c’è alcuna garanzia quando si fa trading.

Vai alla piattaforma