6 min read 

Il trading è complicato e ci sono molti errori che puoi commettere. Diamo un’occhiata a 7 popolari errori che commettono i trader alle prime armi e ai modi per evitarli. Leggi l’articolo completo per saperne di più.

Rischiare ciò che non puoi permetterti di perdere

Il trading è un’attività a rischio elevato. Di tanto in tanto, tutti i trader perdono denaro. Il punto è gestire i rischi e non mettere mai a rischio ciò che non puoi permetterti di perdere. C’è un’enorme differenza tra l’essere positivi e l’essere irrealisticamente presuntuosi. Quando i trader tengono traccia delle loro perdite e le considerano parte essenziale della pratica commerciale, sono meno inclini a comportamenti sconsiderati. Quando invece si crede nella fortuna e si anticipa l’inevitabile vittoria, si è più a rischio di quanto si pensi.

Scommettere tutto ciò che hai

Probabilmente il modo più semplice per perdere tutto il denaro è quello di scommettere tutto ciò che hai. Il trading non è un casinò e la fortuna non dovrebbe essere parte integrante della tua strategia di trading. Ogni volta che scommetti tutto ciò che hai corri il rischio di perdere tutto. Nessun trader è in grado di vincere tutte le sue operazioni. Prima o poi, perderai un’operazione e con essa, l’intero capitale di trading. Non importa quante vittorie hai avuto prima, dovrai ricominciare da capo.

Fare trading nell’orario sbagliato

Il trading di rapporti fondamentali su un grafico di 5 minuti può effettivamente essere dannoso. Ma perché? I fattori fondamentali possono richiedere fino a diversi anni per dispiegarsi. L’inflazione, il tasso di crescita del PIL e gli importanti annunci politici sono molto meno utili in un intervallo di tempo di 5 minuti che, ad esempio, in un arco di tempo di un’ora. Anche in questo caso la tempistica è di un’importanza fondamentale. Se sei un minuto troppo veloce / troppo lento, perderai un’opportunità e forse anche denaro.

Fare trading senza un solido piano

Molti trader usano le loro emozioni come guida, attenendosi al cosiddetto approccio intuitivo. Ma solo pochi riescono a fare in modo che funzioni. Il fatto è che si è costantemente tentati di credere nella fortuna cieca quando si fa trading. Perciò razionalizzerai quel salto e lo confonderai con l’istinto (che altro non è, in realtà, che il tuo desiderio di vincere). Fare trading non è un gioco d’azzardo; questo approccio può funzionare una o due volte, ma alla fine fallirà.

Fare trading senza lo stop-loss

Uno stop-loss è una caratteristica spesso trascurata che può aiutare qualsiasi trader ad avere un migliore controllo delle proprie perdite. Stando agli specialisti del settore, si dovrebbe imparare a perdere denaro (nella giusta maniera) prima di imparare a guadagnarli. Uno stop-loss fa ciò che dice, ovvero ferma le perdite, chiudendo automaticamente le posizioni in perdita quando si raggiunge una certa soglia. Può, quindi, aiutarti a migliorare notevolmente l’efficacia complessiva delle tue attività di trading.

Cambiare troppo spesso la tua strategia

Non è un segreto che, quando una strategia di trading smette di funzionare per te, dovresti trovare un’altra. Tuttavia, resta ancora la domanda ‘Come definire le strategie al di sotto della media?’ Alcuni credono che una strategia che fallisce, diciamo, 5 volte di fila non sia da prendere sul serio. Ma in realtà, tutti i trader prima o poi attraversano una serie di sconfitte e persino una strategia notevole può dimostrare risultati poco brillanti.

Il trading di asset correlati

Questo non è così evidente (e quindi abbastanza pericoloso). La maggior parte dei trader sa che è una buona idea diversificare i rischi, acquistando e comprando diversi asset invece che uno solo. Ciò che alcuni di loro dimenticano è che vari asset che sembrano essere diversi sono in realtà strettamente correlati. Ad esempio, EUR/USD e USD/JPY che si comporteranno in modo simile quando l’USD sale e l’EUR e il JPY rimangono sullo stesso livello. Quando si cerca di diversificare, si dovrebbe, quindi, essere alla ricerca di asset veramente indipendenti.

Vai alla piattaforma